La camera da letto è un po’ il cuore della nostra casa, una zona intima, dove riposarsi e dove rimanere tranquilli, lontani dal caos del mondo e dalla frenesia. Dormire bene è molto importante, così come riposare mente e occhi, per questo l’illuminazione della camera da letto è una questione di fondamentale importanza. Ma come si illumina correttamente la stanza da letto? Con qualche accorgimento è possibile ricreare un ambiente che sia accogliente, confortevole, con luci dedicate al riposo ed alla lettura. L’ambiente dedicato al riposo notturno richiede un’illuminazione dedicata e ben studiata, particolare, e fortunatamente le opzioni sono davvero numerose, anche tenendo conto dello stile della camera e del suo design. Le soluzioni che possono essere adeguate sono diverse: dal classico lampadario alle versatili e moderne luci a led, dalle applique eleganti o classiche alle abat jour per creare dei semplici punti luce all’interno della stanza da letto.

Vediamo quindi quali sono le possibilità da studiare per l’illuminazione della camera da letto, quali sono le possibilità estetiche e di design per poter conciliare un luogo accogliente con un’illuminazione funzionale.

Come illuminare la stanza da letto

Le opzioni per illuminare la camera da letto, come abbiamo detto, sono davvero tante. In particolare è possibile optare per un lampadario, che tuttavia negli ultimi anni è una soluzione sempre meno scelta perché consiste in una fonte di luce forte e diretta, e comunque non sufficiente per le ore notturne, quando si privilegia una luce più discreta ed ai margini della stanza. La forte illuminazione generata dal lampadario in camera da letto potrebbe ad esempio disturbare il sonno, Anche se è una soluzione dotata di un certo effetto scenico, il lampadario potrebbe non essere l’ideale nella stanza da letto. Se cercate una soluzione che sia un po’ più economica e che possa illuminare discretamente la stanza, la plafoniera al soffitto è sicuramente più indicata, anche se è comunque da integrare con altre fonti di luce all’interno della camera da letto.

Diverso è il caso dei faretti, che sono un modulo per illuminare la casa sempre più alla moda e sempre più diffuso perché offrono un’ampia possibilità di personalizzazione degli ambienti. I faretti possono ricreare dei punti luce in diverse zone della camera da letto, e possono essere applicati al soffitto o incassati in un elegante e scenografico controsoffitto. Posizionati a circa 30-40 cm l’uno dall’altro, diventano anche un elemento di decorazione ed arredo della stanza, oltre ad essere esteticamente molto gradevoli e funzionali.

Un’alternativa più moderna ai faretti possono essere le strisce led, ideali soprattutto per una stanza da letto assai moderna e dal design minimale. Le strisce led creano un’illuminazione nella camera da letto molto soffusa, originale, e sono perfette se lo spazio a disposizione non è molto.

Un’alternativa estremamente elegante che consente di arredare le pareti della camera da letto e allo stesso tempo di illuminare, creando un’atmosfera molto confortevole e calda, sono le applique a led. Oltre ad essere a risparmio energetico, le applique sono presenti in tantissimi modelli, alcune più semplici ed altre artistiche e funzionali, che possono aiutarvi a decorare la stanza tenendo conto del suo stile: classico, moderno, industriale e via dicendo.

Nella camera da letto non dovrebbero mai mancare inoltre delle abat jour, una soluzione ideale da porre sui comodini a fianco della stanza da letto per poter leggere un libro la sera o semplicemente per rilassarsi con una luce meno forte e più discreta. Anche in questo caso le tendenze di design sono davvero numerose ed è senza dubbio possibile trovare una alternativa che faccia al caso proprio.